Ricerca

L’Istituto Svizzero offre una piattaforma di scambio che collega la comunità scientifica svizzera sia con l’Italia che a livello internazionale.

Nel campo della scienza, l’Istituto Svizzero promuove lo scambio tra le istituzioni svizzere e italiane, organizza ed ospita conferenze e seminari scientifici ed offre un centro di eccellenza per la ricerca indipendente nel contesto romano ed italiano. L’Istituto dà inoltre l’opportunità a giovani ricercatori, provenienti dall’università o da istituti di istruzione superiore, di sviluppare i propri progetti di ricerca e di creare contatti e reti di conoscenze con il mondo accademico e scientifico, unitamente alla diffusione della propria ricerca in Italia.

Villa Maraini, con la sua posizione centrale nella capitale, offre il terreno ideale per queste attività.  Roma è una città vivace, circondata da università ed istituti, insieme ad istituzioni accademiche e culturali. L’unicità di Roma è insita nella rete di connessioni che si estende al di là della singola realtà italiana, raggiungendo tutte le istituzioni accademiche internazionali presenti sul territorio, creando una comunità ampia e piena di risorse.

In aggiunta, Villa Maraini offre sale conferenze adeguate ad ospitare eventi di diverse dimensioni e formati, fornite delle attrezzature e del personale necessario per una corretta configurazione della conferenza.

L’Istituto Svizzero offre anche, in via eccezionale e a determinate condizioni, soggiorni di una o due settimane per i ricercatori che necessitino di svolgere ricerca o collaborare a progetti nella capitale italiana.

In sintesi, le varie piattaforme di ricerca includono:

Collaborazioni

Summer Schools

Senior Fellowships

Residenze

Altri soggiorni di ricerca

Pubblicazioni

Biblioteca

Collaborazioni
L’Istituto Svizzero organizza ed ospita conferenze scientifiche e seminari in collaborazione con istituzioni italiane e svizzere. Roma, in particolare, offre una vasta gamma di possibili collaborazioni di alto profilo – siano esse istituzioni locali italiane o rappresentanze accademiche di numerosi paesi presenti nella capitale italiana.
Maggiori informazioni.

Summer School
Come parte integrante del suo programma, l’Istituto Svizzero indice ogni anno un bando di concorso per delle Summer School.
Il bando di concorso per Summer School 2023 è aperto a progetti di tutte le discipline che rispettino una delle seguenti condizioni: offrire alle/ai proprie/i partecipanti una nuova prospettiva storica o contemporanea su Roma o, in generale, sull’Italia oppure promuovere la collaborazione tra diverse discipline scientifiche (scambio interdisciplinare) o tra arte
e scienza (scambio transdisciplinare). Saranno prese in considerazione anche candidature di progetti con una prospettiva di realizzazione su tre anni consecutivi. L’Istituto Svizzero offre inoltre la possibilità di realizzare a Palermo una Summer School nel mese di luglio per progetti legati alla Sicilia/Mediterraneo.

Le collaborazioni con i partner delle istituzioni italiane sono altamente raccomandate. Il bando per presentare i progetti viene lanciato ogni anno a ottobre con la scadenza fissata a febbraio; il periodo di permanenza all’Istituto Svizzero è luglio-agosto.

Scaricare le condizioni di partecipazione 2023 qui.
Le candidature per l’anno 2023 sono aperte. Compilare il formulario qui (INGLESE).
Scadenza: 05.12.2022
Maggiori informazioni a: direzione@istitutosvizzero.it

Selected Summer School 2022

Stones of Palermo. Cultures of Marble at the Mediterranean Crossroads
10-16.07.2022
A project by the University of Zurich

 

Senior Fellowships
Esclusivamente su invito l’Istituto Svizzero ospita in residenza a Roma ricercatori e artisti affermati per dei progetti connessi all’Italia o all’interdisciplinarità. Le personalità invitate potranno risiedere presso l’istituto per dei periodi che vanno da uno a tre mesi. In cambio dell’ospitalità, ci si aspetta da parte loro uno scambio attivo con i giovani residenti del programma Roma Calling.

Senior Fellow 2022/2023

Senior Fellow 2021/2022

Senior Fellow 2020/2021

Senior Fellow 2019/2020

Senior Fellow 2018/2019

Residenze
L’Istituto Svizzero indice nuovi bandi ogni anno per i suoi programmi di residenza. Fornendo una stanza e un luogo di lavoro, l’Istituto offre ai giovani scienziati e artisti l’opportunità di promuovere la loro carriera in Italia, creando e sviluppando reti e collaborazioni tra le scene accademiche e artistiche della Svizzera e dell’Italia e promuovendo l’istruzione, la ricerca, l’innovazione e la creazione artistica svizzere in Italia.

 

  • Roma Calling: residenza di dieci mesi che va da settembre a luglio a Villa Maraini, a Roma
  • Milano Calling: residenza di sei mesi che va da ottobre ad aprile a Milano
  • Palermo Calling: residenza di tre mesi che va da settembre a dicembre a Palermo
  • Residenza per Curatrice/Curatore: nuova opportunità di ricerca di tre mesi che va da settembre a dicembre a Palermo, in collaborazione con la Fondazione Sicilia

Cliccare qui per leggere i bandi di concorso 2023/2024!
Scadenza: 16.01.2023

Altri soggiorni di ricerca
Per i ricercatori e gli artisti che vogliano svolgere ricerche o sviluppare progetti di collaborazione nella capitale italiana è eccezionalmente previsto, a determinate condizioni, un soggiorno di ricerca della durata di una o due settimane.

È concesso in base alle disponibilità e subordinato alla valutazione di una richiesta documentata (progetto, CV, contatti e collaborazioni a Roma ecc.), che dovrà pervenire all’istituto non più di due mesi prima delle date richieste al seguente indirizzo di posta elettronica: soggiorni_roma@istitutosvizzero.it

Pubblicazioni
Le attività scientifiche sono spesso accompagnate da pubblicazioni: testi per ulteriori studi e atti di convegni.

A partire dal 1954 l’Istituto Svizzero ha pubblicato una serie di lavori su temi specialistici relativi a studi di ricerca avviati o conclusi a Roma che sono raccolte nella collana Bibliotheca Helvetica Romana, edito da Schwabe, Basel.

Biblioteca
Composta da oltre 45.000 volumi e pubblicazioni, la biblioteca dell’Istituto Svizzero mette a disposizione dei ricercatori una grande collezione di opere su archeologia, filologia classica, storia, storia dell’arte e letteratura. Fondata nel 1948 per includere i lasciti dell’artista Adolf Holzer e di Carolina Maraini-Sommaruga – proprietaria di Villa Maraini – la biblioteca è cresciuta fino a comprende oggi libri dei principali editori svizzeri in aggiunta alle donazioni di professori e accademici, in particolare di François Lasserre e Hanno Helbling.