14.02.2020‚ÄĒ24.07.2020

Marc Bauer

Arte, Mostra personale, Milano

MERC-GIOV: H11:00-17:00
SAB: H14:00-18:00

comunicato stampa

biografia

Installation views

Dates
14.02.2020
24.07.2020
Location
Milano
Category
Arte, Mostra personale
Information

MERC-GIOV: H11:00-17:00
SAB: H14:00-18:00

L‚ÄôIstituto Svizzero presenta ‚ÄúMi piace ¬†Commenta ¬†Condividi, A Rhetorical Figure‚ÄĚ, la prima mostra personale a Milano dell‚Äôartista Marc Bauer.

I¬†‚ÄėMi piace‚Äô¬†e le¬†‚ÄėCondivisioni‚Äô¬†sono il capitale dei social media, il capitale del presente. Un semplice click √® sufficiente per esprimere il proprio apprezzamento e, con poche parole, si pu√≤ diffondere la propria opinione o il proprio dissenso. Le superfici lucide dei nostri smartphone fungono da trasmettitori e ci tengono in collegamento con i nostri follower.

Per la sua mostra ‚ÄúMi piace ¬†Commenta ¬†Condividi, A Rhetorical Figure‚ÄĚ, Marc Bauer traccia i meccanismi e i trucchi retorici della comunicazione digitale, in un periodo in cui la politica mondiale viene talvolta gestita attraverso dei caratteri maiuscoli ‚Äėaggressivi‚Äô¬†su Twitter in cui video di gatti e contenuti di incitamento all’odio possono diffondersi attraverso le medesime onde digitali.

Le opere ‚Äď realizzate appositamente per la mostra di Milano (disegni, un’installazione sonora e un grande murale site-specific) ‚Äď prendono spunto dall’analisi di Marc Bauer sulla comunicazione via Twitter di Matteo Salvini, fino a settembre 2019 Ministro dell’Interno del governo italiano.¬†I disegni dell‚Äôartista, spesso in bianco e nero e talvolta a colori, includono anche immagini di gatti, in particolare di¬†Gattini con Salvini, che secondo dichiarazioni del leader della Lega dovrebbero mangiarsi le¬†Sardine, il movimento nato di recente e schierato contro il populismo di destra. Dunque, gatti e pesci. Ma anche cani e lupi: il cane del popolare fumetto¬†Dylan Dog o il lupo della rivista online Il Populista. E sopra di essi, nel grande murale, dominano le inquietanti creature alate di un’acquaforte di Francisco de Goya.

Con ‚ÄúMi piace ¬†Commenta ¬†Condividi, A Rhetorical Figure‚ÄĚ, l’artista non si limita ad analizzare il contenuto simbolico di varie figure animalesche ma esamina anche, in senso pi√Ļ lato, il potere delle immagini e delle parole in s√©, con il loro potenziale politico¬†e di manipolazione: l’iconografia delle cosiddette¬†pitture infamanti con ritratti capovolti o persone appese a testa in gi√Ļ, immagini di pizze o di Madonne come presunte insegne della cultura italiana, foto sfocate di barche affollate¬†di rifugiati, completate da parole distinte in cui le affermazioni¬†sulle figure del presepe cristiano diventano slogan populisti. Con la ricerca e l’accumulo di tali¬†immagini e mediante la loro¬†realizzazione grafica, Marc Bauer illustra come pu√≤ funzionare la comunicazione digitale e il mercato dei¬†‚ÄėMi piace‚Äô e delle¬†‚ÄėCondivisioni‚Äô: in Italia e altrove, in tempi cupi ‚Äď come, allo stesso modo, pu√≤ essere interpretata l’acquaforte di Goya ‚Äď ma non solo.
In sottofondo, invece, è udibile il ritornello di Bella Ciao, oggi un brusio nei cori delle Sardine per le piazze italiane.

 

Lavorando principalmente con la grafite e matita e quasi esclusivamente in bianco e nero, Marc Bauer (nato nel 1975 a Ginevra, vive e lavora a Berlino) realizza disegni che esplorano concetti di memoria e storia, sia personali che collettivi. Disegnando spesso a memoria, crea un mondo completo con personaggi di fantasia e narrazioni, inserendoli in una rappresentazione familiare.
Marc Bauer ha studiato all’Ecole sup√©rieure d’art visuel di Ginevra e alla Rijksakademie van beeldende kunsten di Amsterdam. I suoi lavori sono stati presentati sia in numerose mostre collettive, tra cui Drawing Room (personale) di Londra (2019), 21a Biennale di Sydney (2018), Centre Pompidou di Parigi (2017) e Migros Museum f√ľr Gegenwartskunst di Zurigo (2016), che in mostre personali, tra cui Kunstmuseum St. Gallen, Centre Culturel Suisse di Parigi e FRAC Auvergne, FRAC Alsace, FRAC Provence Alpes C√īte d’Azur. All’inizio di febbraio 2020 ha presentato una mostra personale al¬†De La Warr Pavilion a Bexhill on Sea, Regno Unito. √ą il vincitore del GASAG Art Prize 2020 il quale sar√† consegnato quest’anno per la sesta volta in collaborazione con la Berlinische Galerie. Marc Bauer √® stato Fellow dell’Istituto Svizzero nel 2005/2006.

News
Congratulazioni a Marc Bauer vincitore di The Swiss Grand Award for Art / Prix Meret Oppenheim.

Per maggiori informazioni sull’artista sul Prix Meret Oppenheim¬†si prega di visitare il¬†sito¬†dei Swiss Art Awards.

 

Per scaricare testo estensivo clicca qua.