15.09.2023‚ÄĒ04.11.2023

Dominic Michel

Arte, Mostra, Milano

ME/VE: 11:00-17:00
GIO: 11:00-20:00
SA: 14:00-18:00

Dates
15.09.2023
04.11.2023
Location
Milano
Category
Arte, Mostra
Information

ME/VE: 11:00-17:00
GIO: 11:00-20:00
SA: 14:00-18:00

Nella sua mostra personale a Milano, intitolata Then, Oh Then, Oh Then, Dominic Michel approfondisce i temi dell’adattamento e della reinterpretazione degli spazi urbani.

Con le sue opere esplora gli aspetti estetici e simbolici dei macchinari industriali, delle fabbriche e dei paesaggi urbani e ricerca le tracce di questi cambiamenti sociali, economici e spaziali nelle topografie che ci circondano. In questo senso, il Centro Svizzero, progettato nel 1952 dall’architetto svizzero Armin Meili e che oggi ospita gli spazi espositivi dell’Istituto Svizzero, √® il luogo ideale per presentare le nuove opere di Dominic Michel sviluppate appositamente per la mostra. Attraverso l’uso di materiali e tecniche diverse, l’artista imita spesso la natura meccanica dei processi industriali, offrendo un’esplorazione sfaccettata di questa forza trasformativa.

Nello spazio espositivo, che supera i sei metri di altezza, l’artista presenta l’installazione Charm, catene di oggetti sferici in plastica traslucida illuminati da luci fiabesche, in cui impiega un processo industriale chiamato termoformatura, comunemente utilizzato per la produzione in serie di oggetti in PVC, come i vasetti di yogurt. Nelle serigrafie intitolate Locomotive, Dominic Michel decostruisce e riassembla a strati immagini di locomotive, dando vita a interpretazioni astratte e simboliche. Anche il titolo della mostra, preso in prestito da una poesia della regista e autrice scozzese Margaret Tait, Then, Oh Then, Oh Then, evoca un senso di intermittenza, ripetizione o il respiro ritmico di una locomotiva.

L’opera di Dominic Michel fonde materiali tradizionali con elementi digitali, creando un’interazione dinamica tra il tangibile e il virtuale, invitando spettatrici e spettatori a contemplare le sfumature della cultura consumistica moderna e contemporanea e le sue impronte sugli spazi urbani.

Curata da Gioia Dal Molin.

Scaricare il testo curatoriale e la mappa della mostra qui.

Il finissage della mostra, Echo Shelves, si terrà sabato 04.11.2023 con una serata di sound e live set in collaborazione con Fromheretillnow. Il giorno precedente al finissage, venerdì 03.11.2023 tra le H16:30 e le H18:00, la curatrice Gioia Dal Molin sarà disponibile per tour guidati della mostra.

Istituto Svizzero
Via del Vecchio Politecnico 3, Milano
Ingresso gratuito

Orari di apertura:
Mercoledì/Venerdì: 11:00-17:00
Giovedì: 11:00-20:00
Sabato: 14:00-18:00

La mostra rimarrà chiusa mercoledì 01.11.2023. 

Dominic Michel (1987, Argovia) vive e lavora a Zurigo e si √® laureato in Belle Arti all’Universit√† d’Arte di Basilea, alla Scuola di Belle Arti di Atene e all’Universit√† delle Arti di Berna. Nel 2022 ha ricevuto il Manor Kunstpreis e nel 2020 il premio di incoraggiamento della Neue Aargauer Bank. Recentemente ha tenuto mostre personali presso Unanimous Consent, Zurigo (2023); Aargauer Kunsthaus, Aarau (2022, 2020); Hamlet, Zurigo (2021). Tra le mostre collettive recenti figurano Sgomento, Zurigo (2023, 2021); Sentiment, Parigi (2022); Milieu, Berna (2022, 2018); Kunsthalle Berna (2021, 2018); Kunsthalle Zurigo (2020); Palazzina, Basilea (2020) e Fri Art, Friburgo (2019).
La pratica di Dominic Michel comprende anche la co-fondazione e la cura dell’artist-run space Riverside (dal 2015), nonch√© progetti espositivi indipendenti come:¬†Hot Ticket di Zoe Lund, Zurigo (2022);¬†Jeanne Randolph, mostra e pubblicazione (curata ed edita con Geraldine Tedder) per Lateral Roma (2021); Crisis of Glass Bell, mostra collettiva (curata con Noemi Pfister) presso Der Tank Basilea (2020).

Per informazioni stampa, contattare press@istitutosvizzero.it.

Con il sostegno di Aargauer Kuratorium.