02.02.2017

Archeologia svizzera nel Mediterraneo Occidentale, 2017

Conferenza, Roma

Introduzione

Programma

Dates
02.02.2017
Location
Roma
Category
Conferenza

L’Istituto Svizzero di Roma ospita per la seconda volta un convegno dei Dipartimenti di Archeologia delle universit√† svizzere, in cui verranno presentati alcuni dei progetti che gli atenei elvetici sostengono in diversi luoghi di scavo e di ricerca, in Italia e nel Mediterraneo.
Per tutta la giornata di giovedì 2 febbraio, nella cornice della Sala Conferenze di Villa Maraini, si alterneranno ricercatori e docenti che presenteranno i risultati delle loro ricerche. Albania, Monte Iato, Himera, Cerveteri, Vetulonia, sono solo alcuni dei luoghi al centro dei diversi progetti che verranno discussi dai relatori.
La ricerca archeologica svizzera riveste un ruolo significativo nel Mediterraneo occidentale, dalla regione dei Balcani fino a quella che fu, un tempo, la Magna Grecia. Grazie a un considerevole numero di progetti di scavo, una cooperazione con le istituzioni locali sempre pi√Ļ assidua e un forte ancoraggio internazionale, le universit√† svizzere rappresentano un polo di eccellenza nel mondo dell‚Äôarcheologia.

Il convegno è gratuito e aperto al pubblico. Le presentazioni si svolgeranno in italiano, francese e tedesco, con un servizio di traduzione simultanea italiano-tedesco.

A cura del Prof. Dr. Lorenz Baumer, Università di Ginevra.

Programma

H09:45
Saluti istituzionali
Jo√ęlle Com√©¬†e¬†Philippe Sormani¬†(Istituto Svizzero di Roma)
Lorenz Baumer (Università di Ginevra)

H10:00 Sessione I

Sovjan (Albania): Ricerche sulla ceramica della tarda et√† del bronzo e della prima et√† del ferro nei Balcani occidentali’¬†(tedesco – trad.sim.)
Tobias Krapf, Università di Basilea

Adranon e le sue ceramiche: un sito greco in un luogo siciliano (francese)
Valeria PratoIongo, Università di Ginevra

L’abbandono rituale di una casa del primo periodo ellenistico sul Monte Iato. Episodio e struttura(tedesco – trad.sim.)
Christian Russenberger, Università di Zurigo

H12:15 Sessione II

La coniazione di moneta a Himera e Thermai Himeraiai 
(tedesco – trad.sim.)

Christian Weiss, Università di Berna

Una scultura senza volto? Il caso della Magna Grecia 
(francese)
Virginie Nobs, Università di Ginevra

H15:00 Sessione III

Architettura e struttura sociale. La necropoli della Banditaccia a Cerveteri come fonte storico-sociale
(tedesco – trad.sim.)

Ellen Thiermann, Università di Zurigo

Primi risultati dalle attività di rilevamento un possibile porto sul Lacus Prelius a Vetulonia
 (tedesco Рtrad.sim.)

Camilla Colombi, Deutsches Archäologisches Institut di Roma
 
H16:45 Sessione IV

Cantiere o stile sbozzato? Incompiuti nell’architettura del periodo ellenistico e imperiale
 (tedesco Рtrad.sim.)

Matthias Grawehr, Università di Basilea

Con lo stilo, il libro e lo specchio. Ricerche sulla diffusione di lettura e scrittura tra le donne romane sulla base di reperti archeologici e rappresentazioni pittoriche
 (tedesco Рtrad.sim.)

Josy Luginb√ľhl, Residente ISR – Universit√† di Berna

Ex sordentibus locis: saccheggio di tombe e riutilizzo della scultura funeraria negli spazi urbani in età tardoantica e altomedievale in Italia 
(tedesco – trad.sim.)
Cristina Murer, Freie Universität di Berlino

H19:30 Conferenza

L’Università di Berna a Himera: Nuovi dati e scoperte dal Piano del Tamburino 
(italiano)
Elena Mango, Università di Berna