18.11.2022‚ÄĒ31.12.2022

The Forbidden Tempietto

Arte, Installazione, Roma

Ingresso: via Ludovisi 48

Dates
18.11.2022
31.12.2022
Location
Roma
Category
Arte, Installazione
Information

Ingresso: via Ludovisi 48

L’Istituto Svizzero √® lieto di partecipare al progetto The European Pavilion in Rome, un programma artistico di tre giorni della European Cultural Foundation in collaborazione con la Fondazione Studio Rizoma, e ospitato dai partner Bibliotheca Hertziana – Max Planck Institute for Art History, Goethe-Institut, Accademia Tedesca di Roma Villa Massimo, Villa M√©dicis Acad√©mie de France √† Rome, Istituto Svizzero, Museo delle Civilt√†.

In questo contesto l’Istituto Svizzero presenta The Forbidden Tempietto, un’installazione ideata dagli architetti e designer Jesse van der Ploeg e Tymon Hogenelst (collettivo Studio Wild).
Il padiglione presentato nel giardino dell’Istituto fa parte del The Forbidden Garden of Europe: un progetto dello Studio Wild che offre una riflessione sulle politiche sull’emigrazione dell’Unione Europea. Il progetto, che inizialmente aveva assunto la forma di un giardino presentato alla Biennale Architettura 2021 di Venezia, trae ispirazione da una serie di piante che sono considerate invasive dall’Unione Europea, e quindi bandite. Raccolte dallo studio, sono state utilizzate per produrre una serie di pannelli che insieme formano lo spazio The Forbidden Tempietto: una cappella o un mausoleo in omaggio a chi non riesce a trovare un terreno comune in Europa, anche dopo averci vissuto per generazioni. 

The Forbidden Tempietto sar√† visibile fino alla fine del 2022, in concomitanza con gli orari di apertura della mostra L’arcobaleno riposa sulla strada:

Mercoledì / Venerdì: 14:00-18:00
Giovedì: 14:00-20:00
Sabato / Domenica: 11:00-18:00


The European Pavilion √® un programma della European Cultural Foundation che rende¬†possibili spazi di sperimentazione e riflessione sull’Europa. Risulta dalla convinzione che¬†abbiamo bisogno di una piattaforma artistica europea per pensare e riconsiderare¬†continuamente ci√≤ che l’Europa significa oggi e ci√≤ che pu√≤ diventare domani. Ogni due anni,¬†insieme ai partner della fondazione, ECF sostiene organizzazioni culturali in tutta Europa che¬†sviluppano nuovi programmi artistici e commissioni che gettano nuove luci sull’Europa e¬†immaginano il nostro futuro condiviso. Tutti i progetti vengono poi presentati in occasione di¬†un grande evento artistico, quest’anno a Roma.

Nel corso di tre giornate, artiste/i, pensatrici/pensatori e ricercatrici/ricercatori provenienti¬†da tutto il continente si incontrano in un programma che offre tavole rotonde, conferenze e¬†workshop, performance musicali, un ambiente VR, nonch√© installazioni scultoree e¬†multimediali. Vengono affrontate domande quali: come possiamo, attraverso la metafora del¬†padiglione, ripensare lo spazio e il paesaggio dell’Europa? Come si presenta un padiglione¬†Europeo e cosa pu√≤ significare? La parola padiglione si riferisce anche alla parte visibile del¬†nostro orecchio: quella che permette l’ascolto. A tal fine, il programma prester√† particolare¬†attenzione alla ricca diversit√† di lingue e voci che compongono l’Europa, soprattutto quelle¬†che troppo spesso sono messe a tacere o emarginate. Non √® possibile pensare all‚ÄôEuropa oggi¬†senza tener conto anche delle sfide che il nostro continente deve affrontare, e tanto meno¬†quelle poste dalla guerra in Ucraina. Nel frattempo, a Roma, trarremo ispirazione da iniziative¬†collettive e individuali impegnate negli sforzi di superamento della colonialit√†¬†e nella lotta contro ogni forma di politica di sfruttamento e discriminazione e dimigrazioni¬†forzate.

Il programma viene co-curato dalla program manager di ECF Lore Gablier e dalla curatrice¬†ucraina Lesia Kulchynska, in stretta collaborazione con tutte le organizzazioni partecipanti:¬†Ambasada Kultury (Berlino-Vilnius), ARNA (Svezia), Brunnenpassage¬†(Vienna), EUPavilion¬†(Roma-Zurigo), Fondazione Studio Rizoma (Palermo-Roma), Iniva (Londra), L’Internationale¬†(Madrid, Varsavia, Barcellona, Lubiana, Eindhoven), OGR (Torino), State of Concept (Atene),¬†Studio Wild (Amsterdam).

Maggiori informazioni sono disponibili qui.

Allo stesso tempo, sar√† possibile visitare L’arcobaleno riposa sulla strada, una mostra collettiva con opere di Pascale Birchler, Miriam Laura Leonardi, Hunter Longe, Lou Masduraud, Luzie Meyer, Meret Oppenheim e Ser Serpas¬†allestita nelle sale della Villa.