19.09.2019

Love Me Tender

Cinema, Milano

Colosseo Multisala
H20:40

Introduzione

biografia

Sinossi e info

Dates
19.09.2019
Location
Milano
Category
Cinema
Information

Colosseo Multisala
H20:40

Love Me Tender di Klaudia Reynicke

In occasione de Le vie del cinema, manifestazione¬†che presenta in¬†anteprima assoluta nelle sale cinematografiche milanesi, nei mesi di¬†giugno, settembre e dicembre¬†una qualificata¬†selezione di film del Festival di Cannes, della Quinzaine des R√©alisateurs, del Festival del film Locarno, della Mostra Internazionale d’Arte Cinematografica della Biennale di¬†Venezia e del Torino Film Festival, si proietta presso il cinema Colosseo Multisala il film presentato alla 72¬į edizione del Locarno Film Festival,¬†Love Me Tender in presenza della regista e dell’attrice Barbara Giordano. A cura di Daniela Persico.

Il film √® stato altres√¨ presentato alla 19¬į edizione del Locarno a Roma, che ha¬†selezionato diversi titoli provenienti dal Locarno Festival, tutti proiettati in versione¬†originale con sottotitoli in italiano, per offrire al pubblico romano una finestra privilegiata¬†sulla rinomata kermesse svizzera.

Klaudia Reynicke, sceneggiatrice e regista svizzera peruviana, ha studiato arti visive, antropologia e sociologia. Nel 2005 ha frequentato la Tisch School of the Arts della New York University. L’incontro con la regista Jacqueline Veuve, di cui è stata assistente nel 2006, ha confermato il suo desiderio di diventare regista. Love Me Tender è il suo secondo lungometraggio.

Love Me Tender di Klaudia Reynicke
con Barbara Giordano, Antonio Bannò, Gilles Privat,
Maurizio Tabani, Anna Galante, Federica Vermiglio
Svizzeraa, 1h23, v.o. italiano

Seconda soffre di agorafobia e non se la sente di uscire dalle mura domestiche. Ma quando riesce a lasciare la casa familiare, le si presentano nuove sfide che la spingono a forzare ancora di pi√Ļ i propri limiti.
Potente film svizzero al femminile firmato da Klaudia Reynicke, capace di risultare astratta e incisiva allo stesso tempo. Puntando molto sulla recitazione della sua protagonista, la regista mette in scena il rifiuto di ogni forma di patriarcato, sorprendendo per lo stile fresco e gli spunti originali del copione. L’autrice arriva a descrivere gli stereotipi maschili smascherandone le fragilità con notevole coraggio.

Le vie del Cinema
18-26 settembre, Milano