22.11.2014—20.12.2014

Marco Poloni. Codename: Osvaldo, Case Study #1

Art, Group exhibition, Milano

The Pistol of Monika Ertl

Introduzione

The Orgosolo Laboratory Project

Viavai

Dates
22.11.2014
20.12.2014
Location
Milano
Category
Art, Group exhibition
Information

The Pistol of Monika Ertl

Voglio vedere le mie montagne è un’esposizione all’interno del programma di scambi binazionali Viavai – Contrabbando culturale Svizzera – Lombardia, curata da Noah Stolz e articolata su tre istituzioni: il Museo MAGA di Gallarate, che è promotore del progetto e presso il quale avrà luogo la mostra principale (7 febbraio — 15 marzo 2015); il Museo Cantonale d’Arte di Lugano (14 febbraio — 15 marzo 2015) e l’Istituto Svizzero di Milano che ospitano a loro volta due significativi momenti espositivi legati al progetto.

L’artista Marco Poloni presenta, in questa occasione, la prima tappa del ciclo intitolato Codename: Osvaldo che si articolerà successivamente in una serie di nuove configurazioni ed eventi. La mostra avrà attivi al suo interno i laboratori di Radio Tramontana e di Stella Maris.

Al titolo Codename: Osvaldo corrisponde una serie di opere di Marco Poloni i cui aneddoti riconducono tutti ad un unico personaggio, Giangiacomo Feltrinelli. In questa prima tappa espositiva viene proposto il ciclo The pistol of Monika Ertl in cui Poloni tesse le trame di una narrazione non lineare e il cui soggetto è appunto la pistola con la quale la terrorista tedesca Monika Ertl uccise il comandante Quentanilla, il presunto killer di Che Guevara.
La costellazione di fotografi e, di spezzoni di footage 16 mm, di documenti e testi che compongono l’opera nel suo insieme raccontano in modo poetico la genesi di una incerta mitologia le cui maglie aperte lasciano spazio ad abbaglianti epifanie. Monika Ertl era la figlia preferita del cineasta e fotografo Hans Ertl, capo operatore del controverso film di Leni Riefenstahl, “Olympia”, che ritrae i giochi olimpici di Berlino del 1936. Ertl si era trasferito a La Paz con la sua famiglia dopo la fine della seconda guerra mondiale. Alla fine degli anni sessanta Monika entrò a far parte dell’Armata di
liberazione nazionale boliviana, venne addestrata alla guerrilla, prima in Chile e poi a Cuba. Il revolver che utilizzò per uccidere Quintanilla si suppone le sia stato dato dallo stesso Feltrinelli.

In occasione dell’opening, due squadre di Radio Tramontana, una dalla Casa Salecina sul Maloja e l’altra all’ISR di Milano, realizzeranno una serata radiofonica, collegando virtualmente i due luoghi tramite una web radio. LapTopRadio é una struttura sperimentale che esplora le possibilità di network radio e broadcasting tramite trasmissioni nomadi. Il laboratorio di Radio Tramontana sarà poi presente durante tutta l’esposizione all’ISR sotto forma d’installazione, dando la possibilità di ascoltare i documenti sonori e l’archivio dell’emissione radio del 21 novembre.
La piattaforma Stella Maris organizzerà un evento collaterale di presentazione del progetto cinematografico “Una Cuba mediterranea” che rappresenta il fulcro del ciclo Codename: Osvaldo, attualmente in fase di post produzione.

Viavai
Il programma di scambi binazionali Viavai – Contrabbando culturale Svizzera-Lombardia è promosso dalla Fondazione svizzera per la cultura Pro Helvetia ed è realizzato in partenariato con i cantoni Ticino e Vallese, la città di Zurigo, la Fondazione Ernst Göhner. L’iniziativa si avvale del patrocinio degli Assessorati alla Cultura della Regione Lombardia e del Comune di Milano. Il programma mira a intensificare le sinergie creative e produttive fra Svizzera e Lombardia attraverso una serie di progetti e azioni.

Alcuni di questi saranno ospitati tra novembre 2014 e marzo 2015 nella sede dell’Istituto Svizzero a Milano. Il programma completo sul sito Viavai.